Archivio Tag: lavoro

Imprese, turismo e commercio, oggi possiamo scrivere il futuro di Tivoli e ridare speranze alla città.

Il lavoro è un tema delicato e fondamentale per la prossima amministrazione comunale. A Tivoli serve una progettualità seria per rilanciare il turismo ed un modello diverso per sostenere le imprese. Serve un destination manager ed uno Spazio Attivo come quello che la Regione ha aperto a Zagarolo.

Nonostante il tessuto produttivo tiburtino viva, da anni, una crisi da cui sembra difficile uscire le realtà imprenditoriali di Tivoli non vanno a caccia di fondi regionali. I dati emersi nel confronto con  l’assessore alle Attività Produttive della Regione Lazio Gian Paolo Manzella, imprenditori e commercianti, sono preoccupanti.

Su 625 imprese finanziate dalla Regione Lazio solo 7 sono di Tivoli, nel bando per l’artigianato su 126 finanziamenti erogati non ce n’è stato uno per le imprese di Tivoli e lo stesso sul fondo creatività.
Una situazione grave che si riflette, inevitabilmente, sui livelli occupazionali e sulla qualità del lavoro.

Al centro del nostro programma abbiamo messo il lavoro. Questa era una città estremamente ricca e non si è mai preoccupata di sviluppare la filiera turistica. Oggi che le cartiere non ci sono più, il travertino e l’ex Pirelli non assicurano più i livelli occupazionali di un tempo, la città vive un momento di grave crisi.

Oggi non possiamo più permetterci di pensare ai beni culturali come una mera attrazione. I numerosi ingressi registrati nelle Ville, pur se in gran quantità, hanno avuto scarse ricadute sul territorio.

Un punto è chiaro, per ripartire servono pianificazione, programmazione e progettazione. Nel turismo occorre partire da uno studio dei flussi turistici in città. E’ impensabile che non si sappiano quanti posti letto ci sono né quante persone, di che età, di che provenienza, hanno soggiornato da noi. Senza questi dati non si può fare una programmazione né sviluppare progetti turistici. Noi proponiamo l’introduzione della figura di un destination manager che curi lo sviluppo del settore.

Non solo turismo. A Tivoli occorre puntare e rilanciare anche l’imprenditoria. Se non siamo stati capaci di attrarre finanziamenti vuol dire che l’attuale modello non funziona e va cambiato. A Tivoli dobbiamo aprire uno Spazio Attivo come quello di Zagarolo. Si potrebbe fare alle Scuderie Estensi. Si tratta di un hub, un centro d’eccellenza, per favorire l’incontro tra il tessuto imprenditoriale ed i player nazionali ed internazionali. Un luogo che favorisca lo startup di nuove aziende e dove gli imprenditori possono trovare tutte le informazioni e l’aiuto necessario per partecipare ai bandi regionali ed europei.

Senza questi fondi è impossibile uscire da questa crisi.